Editoriale: Il gesto minimo e quello massimo! n. 2/2018

Se c’è un ritornello che caratterizza i discorsi del nuovo arcivescovo di Milano in questi primi mesi dal suo insediamento, direi che esso si riassume in due parole anzi in un gesto, il gesto minimo! Per Mons. Mario Delpini si tratta di una logica, uno stile, una possibilità, un’arte. Del gesto minimo ha fatto più volte “l’elogio” nelle sue omelie, invitandoci non a salvare il mondo, ma a prenderci cura del pezzetto di umanità che ci è stato affidato.

E’ stato così nella Veglia Missionaria Diocesana: “La pratica del gesto minimo si riassume in una parola: “eccomi!”. Eccomi adesso consegno tutta la libertà di cui dispongo: eccomi, per un’ora di servizio…eccomi… eccomi!”

Lo ha ricordato ai medici del CUAMM dicendo che:  “la logica del bene è nel gesto minimo che tiene in piedi la storia, non nelle grandi proclamazioni”.

Alle famiglie riunite in Diocesi per la Giornata della famiglia ha ribadito: “Ci viene chiesta una vita ordinaria, non di grandi eroismi; ci viene chiesto di praticare l’arte del gesto minimo: quella capacità semplice di salutarci, di sorridere, di volerci bene, di perdonarci, di aiutarci l’uno con l’altro”.

Ne ha parlato nel suo primo discorso alla città pronunciato dalla Cattedra di Sant’Ambrogio: “Imparare a fare il bene invece che il male, il bene possibile. Non chissà quale gesto clamoroso, ma il gesto minimo, quello che tutti possono fare. Questa è la via di Dio. Egli, infatti, non interviene con gesti clamorosi o spettacolari, ma con il gesto minimo, che è quello che chiede anche a noi di fare nella nostra quotidianità” .

Lo indica come una strada da percorrere, per tutti.

Chissà di quanti gesti minimi è stata segnata la nostra vita…Quanti gesti d’affetto nell’ambito del calore della famiglia, quanti piccoli segni di gratuità e di dono vissuti nelle nostre comunità, fra i nostri amici, quanti esempi vissuti di persone che cercano di andare oltre se stessi per accogliere l’altro, l’ultimo, il povero, lo straniero con il famoso bicchiere d’acqua o con l’abito nuovo del Vangelo di Mt 25! Perché allora non continuare su questa via e farne il percorso per il tempo che si apre davanti a noi. Un itinerario sempre e comunque possibile a chiunque desideri mettersi in cammino, a chi spesso chiede cosa bisogna fare per risolvere situazioni che altrimenti sembrerebbero impossibili. “Un viaggio di mille miglia comincia sempre col primo passo”, recita un antico proverbio cinese.

Un viaggio che vi auguriamo di fare anche attraverso le pagine di questa rivista. Una strada, quella del gesto minimo percorsa anche da Don Bosco e da chi come lui, oggi, continua ad educare attraverso gesti minimi. Una scelta pensata e voluta da chi ha deciso di accogliere, promuovere, proteggere o integrare i migranti.

A tutti, a ciascuno di noi, il gesto minimo proietta davanti un itinerario che può durare una vita fino ad arrivare a quello supremo, al gesto massimo scelto da Gesù, ma anche dai futuri beati d’Algeria che come uno “spiraglio di luce” ricordiamo in queste pagine.

E sarà allora la ripetizione, intelligente, vigilante, costante e naturale di gesti minimi, praticati quotidianamente, liberamente, semplicemente, che ci permetterà di desiderare e vivere il gesto massimo, del dono della vita, sulle orme di Gesù morto e risorto per noi.

Buon cammino a tutti, dunque, sulla strada dei gesti minimi!

sr. Antonia Dal Mas

1 Comment
  1. Emanuela Nardin 2 mesi ago

    Bellissimo e profondo editoriale ( il gesto minimo e …quello massimo ).bello bello
    Luigi Eusepi

Lascia un Commento

©2018 Missionarie dell'Immacolata PIME - credits: Mediaera Srl

Log in with your credentials

Forgot your details?